CRISTIAN CICCI BAGNOLI

Nel nuovo disco ”C C” Cristian Cicci Bagnoli ha tante collaborazioni con musicisti di spessore internazionale tra cui: Claudio Golinelli (Vasco Rossi), Adriano Molinari (Zucchero), Fabrizio Foschini (Stadio), Max Gelsi (Elisa), Nicola Peruch (Zucchero e Laura Pausini) ed altri artisti. Ci sono tre brani cantati da Cristian. In questo album sono presenti sonorità e generi differenti che si fondono insieme come: Rock prog, fusion e blues. Questo è un disco completo, complesso e meraviglioso. La musica è padrona e protagonista in questo album. Il suono delle chitarre e degli altri strumenti si fondono in una gioia dei sensi che accompagna con emozioni di gioia e grinta l’ascolto di questo disco. Quando ascolti l’album ti sembra di avere i musicisti che suonano lì davanti a te…

Nel disco ci sono tre brani cantati e scritti da te. C’è uno di questi tre brani che è più significativo per te? ”Il brano più significativo per me è “Io non sono io”: mi sono ispirato alle persone che spesso mi chiedono una foto o “selfie” con loro. Le persone mi fermano per strada e mi chiedono se sono io il musicista che ha suonato con Vasco e io rispondo che non sono io. Da questo episodio nasce la mia canzone con un filo d’ironia. Mi piace non prendermi troppo sul serio e prendo la vita con ironia. Sono semplicemente un bravo chitarrista che sul palco da tutto sé stesso e fa un po’ di show. In questo brano infatti voglio sottolineare con un lieve senso d’ironia che quando suoni con artisti del calibro di Vasco o Elisa e tanti altri e appari in tv in tantissimi “Live” la gente pensa che sei bravo e hai del talento perché vai in tv”.

In questo album ci sono musicisti di rilievo e con alcuni hai già collaborato in passato. Raccontami l’esperienza d’incidere questo disco con musicisti di fama internazionale… ”La vita del musicista ti porta a conoscere e ad avere tanti amici artisti e musicisti internazionali. Mi sento onorato di aver suonato con loro in questo disco. Il progetto è partito a novembre dell’anno scorso. Quindi la realizzazione del disco è durata un anno. Questo progetto è nato da me e Matteo Monti (batterista di Cesare Cremonini e Gem Boy). Poi ho contattato degli amici musicisti, gli ho proposto il mio progetto, in un secondo momento in accordo abbiamo iniziato a suonare e abbiamo registrato il disco in cinque giorni presso lo studio Over di Cento (Fe). Poi abbiamo curato il mix e i suoni che devono rispecchiare la mia anima e la mia chitarra graffiante e rock. In certi momenti credo che la mia chitarra e la mia anima siano una cosa sola”.

Ho notato che in questo album c’è un bellissimo mix musicale. Penso che questa sia la vera forza di questo Lp. Sono presenti tanti strumenti e sonorità di diversi generi musicali, raccontaci qualche particolare più approfondito… ”Le canzoni le ho scritte in momenti diversi. Ci sono diversi tipi di sonorità musicali. Nella seconda traccia del disco dal titolo “Switch…ci” viene utilizzato il mellotron: è uno strumento musicale a tastiera diventato popolare tra la fine degli anni sessanta e l’inizio degli anni settanta. E’ stato usato da celebri band come i Beatles, successivamente negli anni settanta è stato usato anche nel Rock progressivo. In “Miss Texas” abbiamo usato una Steel Guitar (chitarra d’acciaio, uno strumento che fa parte della famiglia dei liuti) per omaggiare la celebre band dei Pink Floyd. Nel brano ”Idra (non sei sola)” ho voluto unire il Rock alla musica classica. Infatti in questo brano musicale c’è una meravigliosa orchestra di 24 elementi diretta dal grande maestro Mario Natale (che ha diretto il Festival di Sanremo). Ho mandato la traccia al maestro che ha accolto con piacere ed entusiasmo il mio progetto. Così abbiamo unito un brano dal sound Rock alla musica classica con un’orchestra di 24 elementi. In fondo questo era il mio sogno, unire il Rock alla grazia della musica classica, e in questo disco sono riuscito a realizzarlo”.

Vuoi parlarmi di qualcosa, a riguardo di questo disco… che non ti ho chiesto io e non ti hanno chiesto altri giornalisti? ”Voglio sottolineare che questo album è realizzato con strumenti e non computer. Ci sono musicisti che hanno messo l’anima e tutto il loro talento e passione nel suonare i loro strumenti. Questo è il mio quarto disco e credo di averci messo qualcosa in più nella realizzazione e nei particolari. Questo disco mi rappresenta in tutti i colori e le sfumature, dalle più colorite e rock alle più delicate. Ringrazio Aleo Giuseppe, il mio produttore artistico, per aver creduto nel mio progetto, e la mia casa discografica Videoradio”.

Quale è l’incontro che ha cambiato la tua vita di musicista? ”L’incontro che ha cambiato totalmente la mia vita di artista e musicista e stato l’incontro con Claudio Golinelli (soprannominato ”Il Gallo”), il celebre e storico bassista di Vasco Rossi. Infatti è grazie a lui che, da 18 anni, faccio questo mestiere. Inoltre è nata anche una forte amicizia e stima reciproca. Tutto è nato per caso era alla fine degli anni ’90, stavo suonando con la mia band in un localino vicino al mare di Cesenatico. Quando smisi di suonare mi si avvicinò Claudio Golinelli, mi portò in un angolo e mi disse: ”Hai talento da vendere, vieni a suonare con me”. Da lì è partito il mio sogno e la mia carriera di musicista, che porto avanti ancora ora con sacrificio, amore e graffiante passione con la mia chitarra”.

Cicci, ci puoi anticipare in anteprima quando partirà il tour? ”Il 24 novembre parte il mio tour radiofonico a Punto Radio (radio di Bologna) in anteprima esclusiva”.

Il 30 novembre uscirà il tuo nuovo disco “C C” con tanti progetti… ”Infatti il 30 novembre uscirà il mio disco “C C”, disponibile in tutti i migliori negozi di dischi e Store digitali (dove si possono ordinare). Inoltre dal 30 novembre continua il mio tour radiofonico per la promozione del mio nuovo disco e continuerà fino febbraio. Le date sono visibili sulla mia pagina facebook Rockambolo “cicci”. Grazie Edda per questa intervista”.

Ringrazio Cicci Cristian Bagnoli, artista mondiale, per questa intervista. (Edda Forlini)

Fonte: MusicMap


On air

Radio Ragusa

Current track
TITLE
ARTIST